Conosci l’importanza del tasso di inseminazione?

L’allevamento da latte è un’attività molto complessa e può essere influenzata da diversi fattori. Alimentazione, benessere, riproduzione, gestione, tutto funziona come in un ingranaggi: se uno dei settori non va bene, può compromettere significativamente gli altri.

Nello specifico, parlando di riproduzione,il focus è sempre quello di ottenere più vacche gravide. In questo modo, oltre ad avere più vitelli all’anno, manterremo una percentuale più alta di vacche in lattazione, generando più reddito per l’allevamento.

Il principale indicatore dell’efficienza riproduttiva è il tasso di gravidanza ( Pregnancy Rate=PR). Questo coinvolge direttamente altri due indicatori, il tasso di concepimento (Conception Rate=CR) e il tasso di inseminazione (Insemination Rate=IR). L’obiettivo di oggi è capire meglio come il tasso di inseminazione IR influenzi i risultati economici in un’azienda da latte.

MA COS’ È IL TASSO DI INSEMINAZIONE?
L’IR può essere calcolato dividendo il numero di inseminazioni negli ultimi 21 giorni per il numero di vacche ammissibili all’inseminazione nello stesso periodo. Le vacche ammissibili sono tutte le vacche eccetto le vacche gravide e quelle che hanno partorito da poco e che quindi non sono ancora pronte per entrare nuovamente in riproduzione (periodo di attesa volontario).

1 – Anestro: vacche che non sono in ciclo a causa di diversi fattori, quali: BCS basso, carenze nutrizionali, malattie metaboliche, problemi post-parto in generale, ecc.

2 – Errori nell’osservazione del calore: in questo caso le vacche sono in ciclo, presentano calore, ma molte di loro non vengono inseminate perché non sono state identificate in calore.

Pertanto, concludiamo che un IR basso non ci consente di ottenere un tasso di gravidanza soddisfacente. Quindi, per ottenere mucche gravide, dobbiamo innanzitutto inseminarle!

Fonte: UNIFORM-Agri (SmartMilk) – PDPL

C’È UN’INFLUENZA SUI RISULTATI ECONOMICI?Per rispondere a questa domanda, abbiamo analizzato i dati riproduttivi ed economici di 30 allevamenti da latte nella regione della Zona da Mata (stato di Minas Gerais/Brasile), assistite dal Programma di sviluppo dell’allevamento da latte (PDPL-UFV) nel periodo da giugno 2020 a maggio 2021. I dati riproduttivi sono stati ottenuti dal Software UNIFORM-Agri (SmartMilk).

Da questi 30 allevamenti, abbiamo creato due gruppi con i 6 (20%) migliori (blu) tassi di inseminazione e peggiori (rossi). (Grafico 1)

Da qui, mantenendo sempre lo stesso campione per i gruppi con IR più alto e più basso, abbiamo analizzato altri indicatori.

Fonte: PDPL

TASSO DI GRAVIDANZA (PR)
Un grande vantaggio nell’aumentare l’IR è l’incremento del PR. In questo studio, il risultato non è stato diverso. (grafico 2)

Possiamo notare qui che il gruppo di produttori con IR più alto ha ottenuto quasi 10 punti extra di PR. Ciò significa tra le 6 e le 7 gravidanze in più al mese in un allevamento con 50 vacche elegibili.

Fonte: PDPL

MARGINE NETTO PER LITRO DI LATTE (NM/L)
Questo indicatore può essere calcolato sottraendo dal reddito lordo dell’attività (quantità di vendita di latte e animali, ad esempio) il costo operativo totale (TOC), che include tutte le spese dirette dell’attività (manodopera, mangimi, energia elettrica, carburante, minerali, medicinali, ecc.) e anche il valore del lavoro familiare e l’ammortamento di costruzioni, macchine, attrezzature, foraggio non annuale e animali di servizio.

Un’importante differenza del margine netto rispetto a un flusso di cassa (Cash Flow), ad esempio, è che non tiene conto solo di input e output, ma include anche le spese indirette come il lavoro familiare e gli ammortamenti.

Fonte: PDPL

Nello studio in questione, il gruppo di allevatori con una migliore efficienza IR aveva un NM di 0,29 R$/litro extra di latte. (grafico 3)

Data questa differenza in NM/L, possiamo illustrare come un’azienda agricola che produce 1.000 L al giorno avrebbe 8.700 R$ in più entro la fine del mese! Vale la pena investire nell’allevamento?

TASSO DI RENDIMENTO DEL CAPITALE INVESTITO (ICR)
Uno degli indicatori economici più completi è il Tasso di Rendimento del Capitale Investito. Possiamo calcolarlo dividendo il margine netto annuo dell’attività per il capitale sociale (tutti i beni della proprietà: animali, macchine, costruzioni, ecc.). In altre parole significa: di tutto ciò che è stato investito, quanto sta tornando all’agricoltore all’anno (in percentuale).

Ancora una volta, le aziende agricole più efficienti in IR hanno realizzato migliori ritorni sugli investimenti nell’attività, presentando una differenza di quasi 17 punti percentuali all’anno. (grafico 4)

Fonte: PDPL

COME AUMENTARE IL TASSO DI INSEMINAZIONE?
Considerando i risultati, è chiaro quanto sia importante investire in IR. Ma come farlo?

Ecco alcune azioni per contribuire a migliorare questi numeri:

Preparto – Un buon preparto ridurrà al minimo i problemi metabolici e infettivi nel postparto, che possono influenzare direttamente la ciclicità delle mucche;
Comfort e benessere – Qualsiasi fattore che influenzi il comfort e il benessere delle vacche influirà direttamente sulla riproduzione, non solo nel concepimento ma anche nella ciclicità e manifestazione del calore;
AI – L’Inseminazione Artificiale a Tempo Fisso permette l’inseminazione di più vacche in un lasso di tempo più breve, oltre ad eliminare la possibilità di osservazione del calore perso;
Osservazione del calore – Anche utilizzando l’IA, è sempre necessaria una buona osservazione del calore. Le vacche che non rimangono gravide alla prima inseminazione saranno di nuovo in calore e questo deve essere identificato per la reinseminazione. Alcuni strumenti e pratiche aiutano queste osservazioni, tali strumenti possono essere utilizzati singolarmente o insieme, a seconda del sistema e delle pratiche di ciascuna proprietà:

  • Formazione del personale: è importante avere personale preparato sui principali segni di calore nelle vacche e nelle giovenche;
  • Pavimento: un pavimento scivoloso e/o molto irregolare diminuisce il numero delle montature e quindi le possibilità che quella femmina venga osservata in calore;
  • Evitare il sovraffollamento nelle stalle: le vacche hanno bisogno di spazio per eseguire monte al momento del calore;
  • Riduci al minimo i problemi agli zoccoli: i problemi agli zoccoli riducono anche il numero e la durata delle monte;
  • Tori: per animali allevati in stalla può essere una strategia interessante in quanto il toro ruffiano monta più volte al giorno, aumentando le possibilità di osservazione del calore;
  • Pennarello: l’idea di questo strumento è quella di dipingere quotidianamente la base della coda -dell’animale e osservare se questa vernice è stata rimossa (mediante un eventuale supporto);
  • Adesivi: Questi adesivi sono come dei “gratta e vinci” e vengono incollati anche sulla base della coda e quando la femmina è montata, quando “graffiata” mostra un colore brillante, suggerendo che l’animale ha accettato il montaggio;
  • Rilevatori elettronici di attività: Questi dispositivi rilevano attraverso il conteggio dei passi giornalieri l’aumento di attività che si verifica nelle femmine in calore. Questo viene comunicato all’allevatore, identificando l’animale e il momento migliore per eseguire l’inseminazione.

CONCLUSIONE
 Molte strategie semplici e convenienti possono essere utilizzate per aumentare il tasso di inseminazione. Questo indicatore ha una relazione diretta con l’aumento del numero di gravidanze nell’anno e anche con la redditività degli allevamenti. Tuttavia, per controllare i risultati riproduttivi, è necessario prima che il team di collaboratori prenda le note necessarie (date di inseminazione, parto, calore, ecc.) e poi, con il supporto di un buon software come UNIFORM-Agri (SmartMilk), generare e analizzare gli indicatori, per prendere le decisioni più assertive per la sostenibilità tecnica ed economica dell’attività.

André Navarro Lobato
BS in Veterinary – Universidade Federal de Viçosa (UFV)
MSc in Ruminants Production and Nutrition – Universidade Federal de Viçosa (UFV)

Veterinarian at PDPL – Viçosa-MG/Brazil
Managing partner at Gestão Pecuária Agricultura Company
Post-Graduate Professor in Dairy Cattle at CENVA

Leggi altri articoli

Condividi questa storia, scegli la tua piattaforma!